Liam Gallagher Registra Nuovi Titoli Alla SIAE Inglese

Secondo il profilo Instagram Oasis Podcast Liam Gallagher avrebbe registrato presso la PRS (la SIAE britannica) i seguenti titoli che, presumibilmente, potranno apparire nel prossimo album solista:

Anything’s Possibile, Dart Royalties e No One Loves Like You Do. C’è però da dire che l’ultimo citato sarebbe il titolo del demo di I Get By.

“Zucche e patate”, Liam Gallagher si fa beffe del tour di Noel con gli Smashing Pumpkins

Alla notizia del tour nordamericano di Noel Gallagher High Flying Birds con gli Smashing Pumpkins, tour cui la prossima estate parteciperanno anche i punk rockers californiani AFI, Liam Gallagher ha commentato: “Zucche e patate, avanti il prossimo”.

L’ex Oasis ha scritto così su Twitter rispondendo ad una fan che gli segnalava la notizia e gli chiedeva se anche lui avesse intenzione di esibirsi negli States quest’estate.

La tournée di Noel e soci con Billy Corgan e compagni partirà l’8 agosto 2019 da Camden, nel New Jersey, e si concluderà il 31 agosto a Mountain View, in California.

Liam Gallagher: “Noel mi querelerà se diffondo filmati in cui canto gli Oasis”

Appena qualche giorno fa vi riferivamo dell’avvenuto completamento del documentario As It Was, come annunciato dallo stesso Liam Gallagher su Twitter. Oggi l’ex frontman degli Oasis è tornato a twittare. E lo ha fatto per informare i fan che il fratello Noel intende denunciarlo per una questione relativa allo stesso docufilm, che dovrebbe essere diffuso entro la fine dell’anno.

Ecco quanto ha scritto stamane Liam:

I’ve just been informed that I’ll be sued by the not so mighty little fella and his goons at ignition if I use any footage of me singing oasis yes oasis songs in AS IT WAS who’s bitter now eh ps Dya want a hand selling those tickets AS YOU WERE LG x— Liam Gallagher (@liamgallagher) February 18, 2019

“Sono stato appena informato che sarò querelato dal non così grande piccoletto e dai suoi scagnozzi della Ignition se uso materiale filmato di me che canto canzoni degli Oasis, sì, canzoni degli Oasis in As It Was. Chi è che serba rancore ora, eh? Vuoi una mano a vendere quei biglietti?

Liam Gallagher: “Il docufilm As It Was è finito ed è fantastico”

Liam Gallagher ha riferito oggi su Twitter che il docufilm As It Was, la cui “prima” era stata annunciata per il Festival di Cannes del 2018 salvo poi non essere presentato, è stato ultimato.

“Ho appena visto il film As It Was e sarà fantastico. Bravissimi tutti quelli coinvolti. As you were as it was ne volete un po’ teste di cazzo?”, ha twittato il cantante.

As It Was è un documentario sul mio ritorno musicale”, aveva spiegato Liam nella nota diffusa a maggio dell’anno scorso. “Copre la composizione e la registrazione del mio primo album da solista, fino alla prima performance dal vivo nella mia città natale, Manchester, e in giro per il mondo. Spero che il film vi piaccia … As you were”.

La regia è di Charlie Lightening, mancuniano già al lavoro con Paul McCartney, Bjork, Kasabian, Robbie Williams e Noel Gallagher. Lightening ha anche diretto 12-12-12: The Concert for Sandy Relief, il film che racconta il mega concerto al Madison Square Garden a sostegno delle vittime dell’uragano Sandy del 2012. In quell’occasione sul palco salirono i più importanti nomi del panorama musicale mondiale, da Eric Clapton e Rolling Stones a Paul McCartney e Roger Waters.

Il film, che “vedrà Liam emergere dall’ombra di Noel”, è prodotto da Steven Lappin (Springsteen and I, George Michael: Freedom) e Lorton Entertainment. È distribuito da Altitude Film Sales.

La pellicola include performance dal vivo al Festival di Reading, al Ritz di Manchester, al One Love Manchester e al Festival di Glastonbury e avrà il suo climax con i concerti sold-out tenuti da Liam a Finsbury Park la scorsa estate.

Sources: Manchester Evening News, @liamgallagher on Twitter

Liam Gallagher E La Sua Voce Da Fumatore

Da qualche anno Liam Gallagher prova a seguire uno stile di vita più sano, fa sport regolarmente e ha tagliato il fumo e l’alcol. Tra gli effetti benefici di uno stile di vita più salubre ci sono, a detta di molti, quelli sulla voce.

Liam però non la pensa affatto così e alla radio Sirius XM ha addirittura confessato: «So per certo che quando non abbia fumato e bevuto e mi sia comportato bene suonavo un po’ serioso».

«Non è una cosa che mi va tanto a genio. A me piace quando la mia voce suona più rauca e ha un po’ di carattere», ha aggiunto l’ex cantante degli Oasis. Anche per questo la sua sobrietà e la sua astinenza dalle sigarette non sono assolute: «Mi controllo un po’, ma non troppo. Non voglio suonare come Aled Jones o Michael Bublé».

Fonte: Radio 105

Prima Foto Di Liam In Studio

È di un paio di giorni fa la prima foto in studio di Liam Gallagher ripreso durante le registrazioni del suo secondo album solista. L’autore della storia di Instagram dalla quale è tratta la foto è Andrew Wyatt, già autore e coprodotture di As You Were. Tags: Andrew Wyatt

Manchester City, Liam Gallagher sfotte Klopp: “Se quello è calcio heavy metal…”

È durata 20 giornate l’imbattibilità in Premier League del Liverpool, capolista uscita sconfitta dall’Etihad nel primo impegno del 2019. Merito del Manchester City di Pep Guardiola, vittorioso 2-1 grazie alle reti di Aguero e Sané intervallate dal provvisorio pareggio di Firmino. Un successo che non mescola le carte ai vertici del campionato (Reds a +4 sui rivali) ma che, quantomeno, riapre il discorso per un titolo apparentemente già archiviato con largo anticipo. A festeggiare sono proprio i sostenitori dei Citizens che tornano ampiamente in corsa per il trionfo a maggio. Su tutti non è mancata la reazione di un noto fan del City, trattasi di Liam Gallagher che ha pesantemente ironizzato sugli avversari battuti nel big match della 21^ giornata di Premier League.
Liam ha infatti puntato il dito contro il calcio “heavy metal” dei Reds, etichetta prestata dall’universo musicale al football di Jurgen Klopp. Nessuna divergenza tra stili diversi, bensì un’autentica stoccata ai rivali attraverso toni poco edificanti: l’approccio aggressivo e martellante del Liverpool è stato infatti accostato da Gallagher alle proprie “terga”. Un affondo che, inevitabilmente, ha scatenato polemiche sui social dividendo le due fazioni di fan interessate: da una parte il sostegno del popolo dei Citizens, dall’altra l’ira del mondo Reds. E nemmeno il successivo tweet di spiegazioni, nel quale Liam parla di “mancanza di senso dell’umorismo”, ha limitato i danni via Web. Insomma, se la prima sconfitta in campionato del Liverpool sta facendo rumore, chi ha suonato a dovere i concorrenti al titolo è proprio chi di musica se ne intende eccome.
Fonte: Sky

Il figlio di Liam Gallagher sarà il frontman di una nuova band

Liam Gallagher e il figlio Gene

Secondo quanto riportato dalla rivista britannica NME, Gene Gallagher, classe 2001, figlio del minore dei due fratelli d’oro del Brit pop, si prepara a seguire le orme del padre, pronto a lanciare una nuova band, i Grimmo, della quale sarà il cantante e chitarrista. Con lui, nella formazione, ci saranno l’amico Cody Grimaldi alle sei corde e Alf Carrol alla batteria. Su Instagram il giovane musicista ha pubblicato una foto, per la verità un po’ confusa, della band. Eccola:

La voce di As You Were si era già espressa sulla possibilità che Gene puntasse su una carriera musicale, incoraggiando il ragazzo, con le sue dichiarazioni alla stampa, a portare il grime – da qui, probabilmente, il nome della band, Grimmo – nel rock’n’roll. “Sarebbe interessante sentire il suo mix e come porterebbe tutta questa roba grime nella sua versione di rock’n’roll”, aveva detto Liam Gallagher a proposito degli interessi musicali del figliolo, che adesso, a quanto pare, vorrebbe iniziare a fare sul serio.

Source: rockol.it

Liam Gallagher contro i Radiohead: “Come cazzo hanno fatto a diventare famosi questi?”

Liam Gallagher contro i Radiohead, nuovo atto. L’ultimo bersaglio dell’ex Oasis è stata la band di Yhom Yorke e soci, colpita da una serie di tweet dal cantante la scorsa notte.

Dopo aver scritto “Sono in una gabbia di matti che la menano con questi Radio Play, aiutatemi”, Liam ha ironizzato sull’album del 1995 The Bends, definendolo “The bond”, per poi digitare: “Il rap nel bel mezzo di The Bends., ma ci prendete per il culo?”. Liam si chiede anche, in uno dei tweet successivi: “Come cazzo hanno fatto questi a diventare famosi?”.

Già in un’intervista a The Quietus del febbraio 2011 rilasciata in occasione della pubblicazione di Different Gear, Still Speeding, il disco d’esordio dei Beady Eye, Liam aveva attaccato i Radiohead per il loro disco The King of Limbs, uscito qualche giorno prima di quello dei Beady Eye.

“Mi piace quello che facciamo”, aveva detto Liam. “Ho sentito quel cazzo di disco dei Radiohead e mi chiedo: ‘Cosa?!’. Mi piace pensare che quello che facciamo noi lo facciamo fottutamente bene. Loro scrivono una canzone su un cazzo di albero? Fammi il piacere! Un albero di mille anni? Ma fottiti! Uno pensa che scrivano una canzone su un albero moderno o uno che è stato piantato la settimana scorsa. Sai cosa intendo?”.