Liam Gallagher, il nuovo album è finito

Il già frontman degli Oasis Liam Gallagher ha confermato con un tweet quello che da tempo lui e il suo team stavano anticipando: il nuovo album di Liam Gallagher, ideale seguito dell’esordio solista del 2017, “As You Were”, è pronto. “Album numero 2 in valigia”, ha scritto sul suo profilo il minore dei fratelli d’oro del brit pop, pur senza svelare la data d’uscita del disco, del quale resta sconosciuto anche il titolo.

A proposito del secondo capitolo discografico in solitaria di Gallagher dopo la parentesi con i Beady Eye non molto si sa, ma negli ultimi mesi qualcosa la voce di “Live Forever” ha svelato. Ci sarà, ad esempio, anche il figlio diciassettenne di Liam, Gene, che ha recentemente fondato una sua band, i Grimmo. Anche il regista del docu-film di prossima uscita “As It Was” Charlie Lightening si è sbilanciato, nel corso di un’intervista con il New Musical Express, sulla nuova musica di Gallagher, presentando il disco come “mega” e come “il suo “What’s the story (Morning glory)” e raccontando qualcosa anche di uno dei brani dell’album.

Rockol.it

“Liam Gallagher lascerà tutti a bocca aperta con il suo nuovo disco”

Charlie Lightening, il regista di As It Was, il nuovo docufilm su Liam Gallagher in uscita il 6 giugno, ha rilasciato alla rivista NME alcune dichiarazioni sul nuovo disco dell’ex Oasis.

La pellicola conterrà una nuova canzone di Liam, intitolata Once, che il regista definisce “la For What It’s Worth del nuovo disco”. Secondo Lightening il verso che fa “You only ever get it once” (‘Te lo becchi solo una volta’) parla delle “esperienze che fai nella vita: ti è data una seconda possibilità, ma ti è data solo una volta. Io l’ho letta così: è come se potessi sentirla cantare a Noel, capisci cosa intendo?”.

“Il disco è una prosecuzione di As You Were“, ma con un Liam che “ha più fiducia alle sue spalle come succede quando fai le cose una seconda volta”, prosegue Lightening, che ha avuto il privilegio di ascoltare in anteprima alcune canzoni del nuovo lavoro in studio di Liam.

La transizione da As You Were, album d’esordio come solista del più piccolo dei Gallagher, a questo nuovo album è paragonabile, secondo Lightening, alla “progressione da Definitely Maybe a What’s The Story (Morning Glory)?: uno è il più punk e l’altro è il più importante, capisci cosa intendo? È qualcuno che si trova nel periodo migliore. La gente non ne rimarrà delusa. Penso che lascerà la gente a bocca aperta”.

A parere del regista, “Once è migliore di Wall of Glass. Ti colpisce in modo più forte. Ha un intermezzo proprio grandioso e poi sfocia in un gran bel ritornello. È eccezionale. È il tipo di canzone che metti su quando cammini per strada battendo i piedi, dentro di sé ha proprio un calpestio. Queste canzoni le puoi sentire negli stadi. Ha quell’atmosfera lì. Ed è quella la differenza tra Definitely Maybe e What’s The Story (Morning Glory). La sua voce è grandiosa: è Liam”.

Source: NME

Liam Gallagher, sold out i biglietti per il docufilm As It Was nei cinema

Secondo quanto si apprende sul forum di Live4ever, nota piattaforma che raduna i fan degli Oasis e dei fratelli Gallagher, è andata sold out in pochi secondi la vendita dei biglietti per la “prima” londinese del documentario As It Was (qui una clip in italiano) su Liam Gallagher, la cui uscita in DVD è prevista per il 10 giugno.

Giovedì 6 giugno la pellicola sarà proiettata in anteprima mondiale all’Alexandra Palace Theatre di Londra, con un’esclusiva esibizione dal vivo trasmessa in diretta in vari cinema di Gran Bretagna e Irlanda via satellite.

Il film sarà inoltre proiettato sull’Alternative Stage al festival musicale di Reading e Leeds ad agosto.

Source: Live4ever forum

Medimex, a Taranto arriva anche Liam Gallagher

Dopo la già annunciata Patti Smith, l’altro nome di punta di quest’edizione del Medimex, che si svolgerà a Taranto dal 5 al 9 giugno 2019, è Liam Gallagher, che si esibirà sabato 8 giugno. È quanto annunciato questa mattina in conferenza stampa, alla quale sono intervenuti Michele Emiliano, Presidente Regione Puglia, Loredana Capone, Assessore Industria Turistica e Culturale Regione Puglia, Rinaldo Melucci, Sindaco di Taranto, Marco Giannotta, Vice Presidente Teatro Pubblico Pugliese, Cesare Veronico, coordinatore Puglia Sounds/Medimex e Federico Sannella, Birra Raffo.

Source: lagazzettadelmezzogiorno.it

Liam Gallagher Registra Nuovi Titoli Alla SIAE Inglese

Secondo il profilo Instagram Oasis Podcast Liam Gallagher avrebbe registrato presso la PRS (la SIAE britannica) i seguenti titoli che, presumibilmente, potranno apparire nel prossimo album solista:

Anything’s Possibile, Dart Royalties e No One Loves Like You Do. C’è però da dire che l’ultimo citato sarebbe il titolo del demo di I Get By.

“Zucche e patate”, Liam Gallagher si fa beffe del tour di Noel con gli Smashing Pumpkins

Alla notizia del tour nordamericano di Noel Gallagher High Flying Birds con gli Smashing Pumpkins, tour cui la prossima estate parteciperanno anche i punk rockers californiani AFI, Liam Gallagher ha commentato: “Zucche e patate, avanti il prossimo”.

L’ex Oasis ha scritto così su Twitter rispondendo ad una fan che gli segnalava la notizia e gli chiedeva se anche lui avesse intenzione di esibirsi negli States quest’estate.

La tournée di Noel e soci con Billy Corgan e compagni partirà l’8 agosto 2019 da Camden, nel New Jersey, e si concluderà il 31 agosto a Mountain View, in California.

Liam Gallagher: “Noel mi querelerà se diffondo filmati in cui canto gli Oasis”

Appena qualche giorno fa vi riferivamo dell’avvenuto completamento del documentario As It Was, come annunciato dallo stesso Liam Gallagher su Twitter. Oggi l’ex frontman degli Oasis è tornato a twittare. E lo ha fatto per informare i fan che il fratello Noel intende denunciarlo per una questione relativa allo stesso docufilm, che dovrebbe essere diffuso entro la fine dell’anno.

Ecco quanto ha scritto stamane Liam:

I’ve just been informed that I’ll be sued by the not so mighty little fella and his goons at ignition if I use any footage of me singing oasis yes oasis songs in AS IT WAS who’s bitter now eh ps Dya want a hand selling those tickets AS YOU WERE LG x— Liam Gallagher (@liamgallagher) February 18, 2019

“Sono stato appena informato che sarò querelato dal non così grande piccoletto e dai suoi scagnozzi della Ignition se uso materiale filmato di me che canto canzoni degli Oasis, sì, canzoni degli Oasis in As It Was. Chi è che serba rancore ora, eh? Vuoi una mano a vendere quei biglietti?

Liam Gallagher: “Il docufilm As It Was è finito ed è fantastico”

Liam Gallagher ha riferito oggi su Twitter che il docufilm As It Was, la cui “prima” era stata annunciata per il Festival di Cannes del 2018 salvo poi non essere presentato, è stato ultimato.

“Ho appena visto il film As It Was e sarà fantastico. Bravissimi tutti quelli coinvolti. As you were as it was ne volete un po’ teste di cazzo?”, ha twittato il cantante.

As It Was è un documentario sul mio ritorno musicale”, aveva spiegato Liam nella nota diffusa a maggio dell’anno scorso. “Copre la composizione e la registrazione del mio primo album da solista, fino alla prima performance dal vivo nella mia città natale, Manchester, e in giro per il mondo. Spero che il film vi piaccia … As you were”.

La regia è di Charlie Lightening, mancuniano già al lavoro con Paul McCartney, Bjork, Kasabian, Robbie Williams e Noel Gallagher. Lightening ha anche diretto 12-12-12: The Concert for Sandy Relief, il film che racconta il mega concerto al Madison Square Garden a sostegno delle vittime dell’uragano Sandy del 2012. In quell’occasione sul palco salirono i più importanti nomi del panorama musicale mondiale, da Eric Clapton e Rolling Stones a Paul McCartney e Roger Waters.

Il film, che “vedrà Liam emergere dall’ombra di Noel”, è prodotto da Steven Lappin (Springsteen and I, George Michael: Freedom) e Lorton Entertainment. È distribuito da Altitude Film Sales.

La pellicola include performance dal vivo al Festival di Reading, al Ritz di Manchester, al One Love Manchester e al Festival di Glastonbury e avrà il suo climax con i concerti sold-out tenuti da Liam a Finsbury Park la scorsa estate.

Sources: Manchester Evening News, @liamgallagher on Twitter

Liam Gallagher E La Sua Voce Da Fumatore

Da qualche anno Liam Gallagher prova a seguire uno stile di vita più sano, fa sport regolarmente e ha tagliato il fumo e l’alcol. Tra gli effetti benefici di uno stile di vita più salubre ci sono, a detta di molti, quelli sulla voce.

Liam però non la pensa affatto così e alla radio Sirius XM ha addirittura confessato: «So per certo che quando non abbia fumato e bevuto e mi sia comportato bene suonavo un po’ serioso».

«Non è una cosa che mi va tanto a genio. A me piace quando la mia voce suona più rauca e ha un po’ di carattere», ha aggiunto l’ex cantante degli Oasis. Anche per questo la sua sobrietà e la sua astinenza dalle sigarette non sono assolute: «Mi controllo un po’, ma non troppo. Non voglio suonare come Aled Jones o Michael Bublé».

Fonte: Radio 105